© Giuseppe Cesareo - P.I. 02019230560 Giuseppe Cesareo Ugo Cesareo ome il fratello, in famiglia trae  ispirazione in campo artistico dal  bisnonno paterno e Maestro Diego Grillo,   che è stato un noto pittore e affreschista  di arte sacra della prima metà del ‘900.  Da bambino trova un numero di “EPOCA”  del 1969 conservato dal nonno, con le  prime foto dell’uomo sulla Luna e viene  subito affascinato dal potere delle  immagini che riescono a fargli rivivere un  evento così lontano nel tempo e nello  spazio. Da quel momento accresce la sua  curiosità per la fotografia e ogni forma di  comunicazione visiva, sperimentando la  sua passione su ogni foto-videocamera a  sua disposizione. Più tardi prende la  patente da operatore cinematografico e  successivamente si dedica anche all’  ambito della fotografia di matrimonio,  inoltre frequenta il corso al Vicariato di  Roma per Fotografi di Cerimonie,  ottenendo l’abilitazione per operare in  tutte le Basiliche romane. Sempre  interessato alle novità, frequenta  workshops di approfondimento sulle  tecniche fotografiche cercando di  evolvere e migliorare il proprio linguaggio  fotografico. iuseppe proviene da un’ambiente  artistico, ha sempre amato l’arte in  tutte le sue espressioni, dopo aver  frequentato il Liceo Artistico e la facoltà  di Architettura in questi ultimi anni si è  dedicato all’approfondimento delle  tecniche fotografiche. I suoi soggetti  principali sono le architetture, nature  morte e ritratti. Ama realizzare reportage  ed è orientato verso la ripresa  documentaristica e descrittiva. La sua  ecletticità lo porta a sperimentare e a  misurarsi con qualsiasi esperienza gli  venga proposta mettendosi costantemente  alla prova. Il suo modo di lavorare è in  continua metamorfosi sempre attento alla  ricerca e ai cambiamenti delle tecnologie  e delle tecniche, frequentando workshops  professionali. Ha frequentato il corso presso il Vicariato  di Roma per Fotografi di Cerimonie.  Recentemente ha tenuto diversi  Workshops sull’ illuminazione in studio e la  fotografia di Ikebana.  DOVE SIAMO?